diritti    contatti      commentiil blog

links di accesso alle sezioni

 teatropoetica       canzoniere        diaristica   pittura

 

 

CANZONI DIVERSE

 

 

 

2 aprile

(musica di E. Amato

 

 

una sera romana

tra la folla segreta

mentre

la terra accelerava i passi

e sul selciato

disegnava il pianto

ogni respiro

sollevava il vento.

 

e il vento alla parola disse:

non ti farò mai male.

 

l’amen della vita

dalla fronte al petto

trascinò la voce

nel vento si adagiò

avvolse ogni pudore

piegò l’indice al tempo

nel vento se ne andò.

 

dove svelato

si pronuncia il nome.

 

il vento ripetè:

non ti farò mai male.

la morte rispose:

ho un figlio con la madre.

 

e l’amen dalla vita

abbandonò il silenzio

fuggi

dagli occhi finalmente sazi

ed al confine

liberò il suo ardore.

 

il vento alla parola disse:

non ti farò mai male.

e la morte svanì

tra le braccia

del figlio con la madre.

 

una sera romana

tra la folla muta

attenta a una parola

distesa dentro il vento

risuono della forza

che si piegava al tempo.

 

 

babilonia

(musica di E. Amato) 

 

 

una allodola che torna,

verso il vento di ponente.

una nenia che feconda,

sopra il cielo che divampa.

una favola che sogna,

per la vecchia città stanca.

 

babilonia! babilonia!

 

si confonde il tuo pensiero,

nel mio velo.

mio giardino.

lo possiedo sull’arcata,

di una reggia profanata.

poi, lo adagio nel mio ventre.

mente l’offro a un innocente.

vieni! ti attendo!

già la luna inonda il tempo.

vieni! fai presto!

il mio senso è nel deserto.

 

babilonia! babilonia!

 

lo abbandono nel silenzio,

della sabbia.

mio sospiro.

e ritrovo il desiderio,

nella torre del mio tempo.

la sua voce è la mia pietra.

mentre giace, qui, impotente.

 

vieni! ti attendo!

già la luna inonda il tempo.

vieni! fai presto!

il mio senso è nel deserto.

 

 

prede del silenzio

 

 

siamo prede del silenzio

di un femminile suono

mai ritornato dall’esilio.

non cambieremo le lettere

dei  nostri nomi

recitati tra noi

nel bianco luogo

dove si taglia l’orizzonte.

 

siamo prede del silenzio.

tra le spine  inebriate

di rose senza oppio

ed il nostro oro

è un lecito liquore

stagionato dalle notti

dove mutiamo il gioco

dell’errore più lieve

tra  porte  aperte

che ci strappano il cuore.

 

siamo prede del silenzio

di un femminile suono

mai ritornato dall’esilio.

non  cambieremo il segreto

delle lune d’argilla

sognate tra noi

nel rosso rubino

dove si infiora l’indugio.

 

 

‘a pòrta

(musica di M. Rescigno

 

 

‘Na pòrta.

‘Nserràta ‘nfaccia a mme.

Fòrse annascónne  ‘a  luce.

Fòrse annascónne ‘a luna.

Ma nun saccio ‘a rèto ca nce sta.

 

Vulesse ll’arapì’.

Truvanno ‘na criatùra.

Ca scrive  ‘ncòpp‘e mure

Quacche buscìa ca nun fà cchiù appaùra.

Vulesse ll’arapì’.

Truvanno ‘nu penziéro.

Ca scrive  mmiez‘o cièlo.

Ca è’ l’óra  ‘e s’addurmì’.

 

Pùr’j’ amavo. Pùr’j’

Assuluto era ‘o sciàto d’a nuttàta.

L’arba mo se ‘nfoca. E mo se stuta Ddio.

 

Passa ‘o tièmpo.

E quaccòsa sperùta cómme ‘o viérno

s’appiccia ‘ncuóll‘a vìta.

Pùr’j’ amavo. Pur’j’.

E l’àrvere cómme spìrete janche

triemmulano mmiez‘a vìa.

Pe’ salutà’. A dicere ‘n’addìo.

A chesta nòtte janca.

‘Ntramènte ‘a pòrta mo s’arape.

E j’ nun nce traso.

 

 

lettéra  amurusa

 

 

Rìnto ‘a nuttàta appiccio ‘na lucèrna.

Pe’ ghì’ ‘a ‘nchiuvà’ ‘nciélo ‘nu penziéro

ca  chiàgne ‘nu destìno ‘e sentiménto.

 

Ca mmiéz‘e màne tu faje ruciulià’

 

‘A lùna s’è abbuccàta int‘o muimènto.

Pare ca smiccïa ‘o tiémpo ca nun c’è’

crianno ‘nu tappéto ‘e  pentimiénto.

 

Addò lla nzìria tuja nce va ‘a pazzià’.

 

E  j’ scrìvo ‘a vìta nuósta cu ‘e paròIe.

Ca nce ricìmmo sénza ‘e vulé’ rì’

speranno ca stipammo ‘n’allicuórdo.

 

Pe’ nce  ncuntrà dimàne sùlo j’ e te.

 

Ma tu. Tu t’ annascónne.

Juoche c’a vìta sènza ‘e me vedé’.

 

Tu t’ annascónne pe’ ll’ufanità.

Ca trammia ‘a lùce sènza ‘e ll’a stutà’.

  

 

 

TORNA

links di accesso alle sezioni                                                                                                                     

 teatropoetica       canzoniere        diaristica   pittura